.

Statuto


ISA/Federazione Sicurezza & Formazione



ISA/ Federazione Sicurezza & Formazione, è il Sindacato Italiano dei Formatori e degli operatori per la Sicurezza sul Lavoro  (in sigla ISA/FS&F) è la Federazione di categoria di Intesa Sindacato Autonomo - Confederazione di chi in qualità di dipendente o come libero professionista( RSPP,ASPP,Coordinatore Sicurezza,Tecnico in Avustica Ambientale, Istruttori, Addestratori, Formatori ,e ogni altra figura operi nell’ambito della sicurezza sul lavoro )  svolge attività di Formatore e/o Operatore in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro in tutti e ciascuno i settori ATECO. I.S.A. Confederazione è firmataria di 13 CCNL tra i quali anche quello relativo ai dipendenti degli Enti di Formazione Professionale.
Art.1
E' costituita ISA/ Federazione Sicurezza & Formazione di seguito denominato “ISA/FS&F”, in forma di associazione sindacale di lavoratori e/o liberi professionisti ai sensi dell’art. 36 e segg. del Codice Civile, il cui funzionamento è regolato dal presente statuto.
L’associazione ha sede nazionale in Roma e può aprire, sedi, succursali, recapiti in altri luoghi, in Italia o all’estero, con deliberazione della Segreteria Nazionale.
ISA/FS&F  ha durata illimitata e potrà essere sciolta con delibera dell’Assemblea straordinaria dei soci.
Ai sensi e per l’applicazione a favore della categoria di quanto stabilisce il D.Lgs. 4/2013 in materie di professioni organizzate non ordinistiche , ISA/FS&F  promuoverà , nei termini che una apposita commissione determinerà , la costituzione diretta, o in collaborazione con altre realtà associative ,di una specifica associazione professionale per la tenuta di un apposito registro nazionale dei formatori e delle figure professionali previste dal D.Lgs.81/08 e s.m.i., fermo restando le caratteristiche squisitamente sindacali di ISA/FS&F.Tale associazione professionale garantisce la trasparenza delle attività e degli assetti associativi, la dialettica democratica tra gli associati, l’osservanza dei princìpi deontologici, nonché una struttura organizzativa e tecnico-scientifica adeguata all’effettivo raggiungimento delle finalità dell’associazione professionale. Verrà promossa, anche attraverso specifiche iniziative, la formazione permanente dei propri iscritti, e adottato un codice di condotta ai sensi dell’articolo 27-bis del Codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, vigilando sulla condotta professionale degli associati stabilendo le sanzioni disciplinari da irrogare agli associati per le violazioni del medesimo Codice. Verranno promosse forme di garanzia a tutela dell’utente, tra cui l’attivazione di uno sportello di riferimento per il cittadino consumatore, presso il quale i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti ai sensi dell’articolo 27-ter del Codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, nonché ottenere informazioni relative all’attività professionale in generale e agli standard qualitativi da esse richiesti agli iscritti. Verranno pubblicate nel proprio sito web gli elementi informativi che presentano utilità per il consumatore, secondo criteri di trasparenza, correttezza, veridicità. Il rappresentante legale dell’associazione professionale garantisce la correttezza delle informazioni fornite nel sito web. Si promuoverà la costituzione di comitati di indirizzo e sorveglianza sui criteri di valutazione e rilascio dei sistemi di qualificazione e competenza professionali. Ai suddetti comitati partecipano, previo accordo tra le parti, le associazioni dei lavoratori, degli imprenditori e dei consumatori maggiormente rappresentative sul piano nazionale. Tutti gli oneri per la costituzione e il funzionamento dei comitati sono posti a carico delle associazioni rappresentate nei comitati stessi.
Verrà garantita la piena conoscibilità dei seguenti elementi:
a) atto costitutivo e statuto;
b) precisa identificazione delle attività professionali cui l’associazione si riferisce;
c) composizione degli organismi deliberativi e titolari delle cariche sociali;
d) struttura organizzativa dell’associazione;
e) requisiti per la partecipazione all’associazione, con particolare riferimento ai titoli di studio relativi alle attività professionali oggetto dell’associazione, all’obbligo degli appartenenti di procedere all’aggiornamento professionale costante e alla predisposizione di strumenti idonei ad accertare l’effettivo assolvimento di tale obbligo e all’indicazione della quota da versare per il conseguimento degli scopi statutari;
f) assenza di scopo di lucro.
Inoltre la conoscibilità è esteso ai seguenti elementi:
a) il codice di condotta con la previsione di sanzioni graduate in relazione alle violazioni poste in essere e l’organo preposto all’adozione dei provvedimenti disciplinari dotato della necessaria autonomia;
b) l’elenco degli iscritti, aggiornato annualmente;
c) le sedi dell’associazione sul territorio nazionale, in almeno tre Regioni;
d) la presenza di una struttura tecnico-scientifica dedicata alla formazione permanente degli associati, in forma diretta o indiretta;
e) l’eventuale possesso di un sistema certificato di qualità dell’associazione conforme alla norma UniEnIso 9001 per il settore di competenza;
f) le garanzie attivate a tutela degli utenti, tra cui la presenza, i recapiti e le modalità di accesso allo sportello di cui all’articolo 2,comma4 del D.Lgs. 4/2013.
Art.2
Possono iscriversi a  ISA/FS&F tutte le persone fisiche in possesso dei requisiti professionali previsti
 per le figure professionali operanti nel settore della sicurezza sul lavoro previsti dal D.LGS. 81/08 e s.m.i. nonché dal decreto interministeriale 6 marzo 2013 che detta i"Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro"pubblicato in  Gazzetta Ufficiale n.65 del 18 marzo 2013, Accordo 53/CSR formazione Specifica abilitazione operatori art. 73 comma 5 D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 G.U. n.60 S.O. del 12.03.2012(per i requisiti dei formatori e addestratori), Art.32 D.Lgs 81/08 Formazione   ASPP/RSPP(Esperienza biennale Acc. Stato Regioni 2006), Art.136 co.8 D.Lgs 81/08 Corsi Addetti e Preposti montaggio ponteggi (formatore con esperienza documentata, almeno biennale, sia nel settore della formazione sia nel settore della prevenzione, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro e da Addestratore con esperienza professionale pratica, documentata, almeno biennale, nelle tecniche per il montaggio/smontaggio ponteggi), Corso Coordinatore Sicurezza Cantieri Allegato XIV(Formatore con esperienza pluriennale nel settore delle costruzioni e RSPP-FSL Macr.B3 o CSP/CSE-FSL) e , preferibilmente , in possesso dei requisiti professionali previsti dagli schemi di certificazione delle competenze professionali previsti dalla norma ISO 17024:2004, norma internazionale volontaria , per lo svolgimento dei compiti e del ruolo di Formatore per la Sicurezza sul Lavoro( FSL ) e di Formatore dei Formatori ( FFSL ), nonché, i Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione –Formatori ( RSPP-FSL ), gli Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione –Formatori ( ASPP-FSL ), Coordinatori della Sicurezza in fase di Progettazione ed Esecuzione (CSP/CSE- FSL ), Addestratori attrezzature di lavoro(AAL-ASL)e le persone fisiche che stanno per acquisire i medesimi requisiti.
I Formatori ( FSL /FFSL ), i Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione –Formatori ( RSPP-FSL ), gli Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione –Formatori ( ASPP-FSL ), Coordinatori della Sicurezza in fase di Progettazione ed Esecuzione (CSP/CSE- FSL ), Addestratori attrezzature di lavoro(AAL-ASL) costituiscono specifici settori organizzativi nazionali di ISA/FS&F operanti in tutti i settori ATECO.

 ISA/FS&F
possono iscriversi, secondo le norme di cui al successivo art. 7,  dipendenti di enti, aziende, società pubbliche e private nonché i liberi professionisti e consulenti che operano nel settore e che ne abbiano titolo.
Possono iscriversi in qualità di “supporters” società, enti e associazioni che condividano le finalità della federazione e ne sostengano liberamente le attività.
Art.3
ISA/FS&F persegue quale scopo principale lo sviluppo e la crescita delle figure professionali di cui all’art.2 , alla loro tutela sindacale e contrattuale, nonché allo sviluppo della cultura della sicurezza sul lavoro e della formazione specialistica in materia attraverso coloro che svolgono i compiti ed il ruolo di Formatore e Formatore dei Formatori nell’ambito delle competenze e delle attribuzioni previste dalle direttive europee in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro, dalle leggi e norme vigenti.
Art.4
 ISA/FS&F non ha scopo di lucro ed opera nell’ambito del sindacalismo libero, democratico e solidale nel Paese consapevole che la Sicurezza e la Salute sul Lavoro rappresentino il più alto livello di dignità, sociale ed economica, nel mondo del lavoro, con la certezza che la formazione sia lo strumento strategico per una efficace prevenzione.
ISA/FS&F utela gli interessi morali, intellettuali,  professionali degli iscritti;  svolge compiti di rappresentanza sindacale, in ogni sede a qualsiasi livello , categoria e settore merceologico, delle peculiarità degli Operatori e dei  Formatori per la sicurezza sul lavoro nei confronti di enti pubblici e privati, pubblica amministrazione, aziende , imprese e società pubbliche e private.
ISA/FS&F svolge compiti di  rappresentanza e di difesa degli iscritti in tutte le sedi, locali, nazionali ed europee al fine del riconoscimento della professionalità dell’attività svolta dagli Operatori e dai Formatori per la Sicurezza sul Lavoro.
 ISA/FS&F ha la rappresentanza dei propri iscritti ai fini della consultazione a tutti i livelli ed in tutte le sedi, da parte degli organi esecutivi, legislativi e normativi, in relazione alle tematiche relative alla salute e sicurezza sul lavoro e in particolar modo in tema di formazione;
Art.5

ISA/FS&F persegue lo sviluppo e l’aggiornamento dei dipendenti e professionisti iscritti attraverso la progettazione, l’implementazione , la promozione, la validazione  e l’erogazione di percorsi formativi qualificanti per i propri iscritti indispensabili per lo svolgimento dei compiti e delle attribuzioni giuridiche, legislative e normative nonché per la loro crescita culturale, sociale e specialistica.
Nell’ambito di queste finalità istituzionali  ISA/FS&F svolge ogni azione, diretta ed indiretta, per la salvaguardia e tutela, la valorizzazione e qualificazione  dell’attività degli Operatori e dei  Formatori per la Sicurezza sul Lavoro  anche in rapporto con altri enti ed istituzioni similari, pubbliche e private, al fine di favorire il processo di sviluppo sociale, economico, culturale e formativo tra i propri associati e a favore del  paese.

ISA/FS&F è soggetto formatore nazionale abilitato ope legis art. 8 bis comma 3 D.lgs 626/94, così come modificato dal D.lgs 195/2003, Accordo Stato Regioni del 26/01/2006 G.U. n. 37 del 14/02/2006 recepito dal D.lgs 81/2008 art. 32 punto 4 e s.m.i., nella sua qualità di organizzazione sindacale di lavoratori  e professionisti in quanto Federazione di categoria di Intesa Sindacato Autonomo Confederazione firmataria di 13 CCNL e del CCNL per i dipendenti degli enti di formazione professionale. Nell’esercizio di tale prerogativa collabora attivamente con la Confederazione e con le federazioni di categoria di I.S.A. , in particolar modo con la Federazione dei Lavoratori Edili FEN-ISA data la delicatezza del settore e le caratteristiche particolari della formazione in edilizia in materia di sicurezza sul lavoro.
L’attività di formazione e di aggiornamento e specializzazione professionale per gli Operatori della Sicurezza , per i Formatori e per i Formatori dei Formatori , oltre alla formazione obbligatoria  per tutti gli attori della sicurezza sul lavoro prevista dalle vigenti norme è esercitata  in base a quanto previsto dalle vigenti norme di legge i particolare il D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e agli accordi Stato Regione che regolano la materia.
ISA/FS&F soggetto nazionale ope legis   esercita  tale facoltà direttamente a livello nazionale,attraverso il proprio “Ente di Formazione per la Sicurezza-Cantiere Scuola Nazionale ” o attraverso il supporto didattico, organizzativo e amministrativo di soggetti terzi di “propria diretta ed esclusiva emanazione “a livello regionale , provinciale e territoriale denominati “Centri di Formazione per la Sicurezza-Cantiere Scuola“ relativamente al settore dell’edilizia in collaborazione con la FEN-ISA, in collaborazione con ISA-Confederazione per tutti i settori ATECO, ai sensi di quanto stabilisce l’art.32 del D.Lgs. 81/08  e s.m.i. e il punto 4 delle linee interpretative del  5 Ottobre 2006 dell’Accordo Stato Regioni del 26 Gennaio 2006, pubblicate in G.U.del 7 Dicembre 2007 n. 285.
Art. 6
ISA/FS&F si  propone di realizzare i suoi scopi mediante l'azione concreta che si sviluppa nelle seguenti direzioni essenziali:
  • studio, proposte e soluzione di tutti i problemi rivendicativi della categoria attraverso la contrattazione nazionale, locale ed aziendale;
  • interventi tramite le proprie rappresentanze in ogni sede nella quali si discutono, si deliberano e si amministrano gli interessi che vedono coinvolta la categoria, in particolare nelle sedi di stipula dei Contratti Collettivi di Lavoro a livello nazionale, locale ed aziendale;
  • valorizzazione della professionalità intesa come momento qualificante che  impegna i lavoratori ed i singoli professionisti in un confronto più democratico con le diverse componenti sociali;
  • attività assicurativa , assistenziale, ricreativa, formativa, sportiva e legale a favore degli associati estrinsecata attraverso coperture assicurative e consulenza tecnico-giuridica ed interventi nell'espletamento delle relative pratiche, iniziative di assistenza e di sviluppo culturale e di formazione anche attraverso la costituzione di organismi ad hoc.
Art.7

Per il perseguimento dei propri fini  ISA/FS&F potrà attuare e sviluppare, direttamente o indirettamente, con accordi e convenzioni, qualsiasi tipo di attività in qualsiasi campo e di qualsiasi genere, anche attraverso idonei strumenti societari o con la partecipazione diretta o in convenzione con società, enti, istituti terzi;
Art.8
 
L’iscrizione a ISA/FS&F è libera e possono farne richiesta tutti coloro che hanno titolo per lo svolgimento dei compiti di RSPP,ASPP,Coordinatori Sicurezza in Edilizia,Tecnici in Acustica Ambientali , Istruttori ,Formatori , Addestratori e ogni altra figura professionale operi per la sicurezza sul lavoro in base a quanto previsto D.Lgs. 81/2008 e s.m. e alla norma internazionale ISO 17024:2004.
I soci si distinguono in:
SOCI FONDATORI: sono coloro che hanno promosso la costituzione di ISA/FS&F e ne hanno firmato l’atto costitutivo purchè in regola con le quote associative annuali;
SOCI ORDINARI: sono coloro che condividendo finalità di ISA/FS&F, sono entrati a farne parte a seguito di domanda di iscrizione e in regola con il versamento della quota annuale, esercitando oltre l’elettorato attivo anche quello passivo che abbiano regolarmente versato la quota associativa annuale ;
SUPPORTERS: sono società, enti, associazioni che sostengono liberamente   anche da un punto di vista economico ISA/FS&F ma non esercitano l’elettore attivo e passivo.
I soci (fondatori e ordinari) sono obbligati al pagamento delle quote annuali di iscrizione, pena l’esclusione dall’associazione,  la cui entità viene stabilità dalla Segreteria Nazionale. I soci possono sottoscrivere ulteriori quote associative a titolo di donazione o a titolo di finanziamento infruttifero delle attività. Le quote a titolo di finanziamento infruttifero dovranno essere restituite al socio sottoscrittore nei tempi e modi concordati all'atto del finanziamento.
Ogni socio ha diritto ad un voto in Assemblea, diretto o rappresentato a tale fine sono ammesse un massimo di 5 deleghe per socio, e a partecipare alle attività di ISA/FS&F
I soci sono tenuti:
1. all'osservanza del presente statuto;
2. all'osservanza delle deliberazioni prese dagli organi sociali.
I soci e supporter sono espulsi quando:
1. non ottemperino alle disposizioni del presente statuto e alle deliberazioni degli organi sociali;
2. in qualsiasi modo rechino danno morale o materiale alla Federazione;
Le espulsioni saranno decise dalla Segreteria Nazionale  a maggioranza dei suoi membri.
I soci espulsi potranno ricorrere contro il provvedimento nella prima assemblea generale.         
I soci decadono quando si rendano morosi nel pagamento delle quote associative e quando comunicano di recedere, senza rivalse ne oneri daISA/FS&F.
Art. 9
Gli organi della Federazione sono:
  • Il Congresso Nazionale
  • Il Consiglio Nazionale
  • Il Segretario Nazionale
  • La Segreteria Nazionale
  • Il Collegio nazionale dei sindaci e dei probiviri
  • Coordinatori regionali o provinciali
  • Organizzazioni di settore
Art. 10
Il Congresso Nazionale è il massimo organo dirigente di ISA/FS&F. Esso è convocato dal Consiglio Nazionale in via ordinaria ogni quattro anni ed, in via straordinaria, ogniqualvolta sia richiesto con delibera motivata adottata dallo stesso Consiglio Nazionale a maggioranza dei due terzi.
Partecipano al Congresso tutti i soci, singolarmente o tramite rappresentanze delegate, secondo quanto previsto da un apposito regolamento approvato dal Consiglio  Nazionale.
Il congresso è valido quando vi partecipano almeno i due terzi degli iscritti o dei delegati.
Sono compiti del Congresso:
  • esaminare il rendiconto sindacale finanziario ;
  • deliberare sull'indirizzo politico-sindacale ;
  • formulare le risoluzioni organiche per le piattaforme  rivendicative;
  • deliberare sulle modifiche allo Statuto con la maggioranza dei due terzi dei presenti;
  • eleggere il Segretario Nazionale, la Segreteria Nazionale, il Consiglio Nazionale, ed i Collegi Nazionali dei Sindaci e dei Probiviri.
  • eleggere, designare o nominare un presidente onorario o altre cariche onorifiche
Art. 11
Il Consiglio Nazionale è l'organo cui compete di dirigere ISA/FS&F nel periodo intercorrente tra un Congresso e l'altro.
Esso è costituito da un numero di membri deliberati dal Congresso Nazionale, cui si aggiungono i componenti della Segreteria Nazionale ed  il Coordinatore Nazionale che lo presiede.
Nel Consiglio  Nazionale debbono , possibilmente ,essere rappresentate tutte le regioni nelle quali opera  ISA/FS&F nonché una quota rappresentativa femminile.
Il Consiglio  Nazionale è l'organo deliberante nel rispetto della linea politico-sindacale approvata dal Congresso; controlla l'applicazione delle norme statutarie nei diversi gradi dell'organizzazione; imposta ed approva il bilancio; convoca ai sensi dello Statuto il Congresso in sessione ordinaria e straordinaria.
Il Consiglio Nazionale delibera sugli adempimenti decisi dal Congresso e ne vigila sulla sua attuazione.
Il Consiglio Nazionale può istituire comitati, commissioni e gruppi di lavoro nonché affidare particolari incarichi a uno o più dei propri componenti.
Il Consiglio Nazionale si riunisce almeno una volta all’anno su convocazione del Coordinatore  Nazionale, straordinariamente esso si riunisce a richiesta di un terzo dei suoi componenti.
Le decisioni sono prese a maggioranza di voti.
Il Consiglio Nazionale adotta il regolamento relativo alla costituzione ed al funzionamento di organismi regionali o provinciali.
Art. 12
Il Segretario Nazionale, eletto dal Congresso, ha la rappresentanza legale di ISA/FS&F, ne coordina e sovrintende le attività; presiede il Consiglio Nazionale e la Segreteria Nazionale.
Sorveglia e regola l'andamento di ISA/FS&F nonché la corretta applicazione ed esecuzione dei deliberati del Consiglio Nazionale.
Il Segretario  Nazionale, nei casi di necessità ed urgenza, può assumere, salvo successiva ratifica degli Organi deliberanti, tutte le determinazioni che egli ritiene utili per il tempestivo intervento del Sindacato a tutela degli interessi degli iscritti.
Resta in carica un  quadriennio e, comunque, con poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, fino alla nomina del successore.
Rappresenta ISA/FS&F di fronte ai terzi.
Cura la tenuta dei verbali, delle deliberazioni nonché dell’amministrazione e ne redige il conto economico e finanziario da sottoporre all’approvazione della Segreteria Nazionale ed agli altri Organi sociali.
Può accendere o estinguere, congiuntamente o disgiuntamente al Vice Segretario  Nazionale, c/c postali e/o bancari; sottoscrivere contratti di locazione e/o somministrazione; promuovere liti e/o resistere alle stesse.
Art. 13
La Segreteria Nazionale è eletta direttamente dal Congresso e partecipa di diritto al Consiglio Nazionale. Il numero dei suoi componenti viene fissato dal Congresso nel minimo di almeno tre membri, tra cui devono essere designati:
  • Uno  Vice Segretario Nazionale Vicario;
  • Ai Componenti della Segreteria, possono essere attribuiti specifici incarichi di lavoro.
La Segreteria Nazionale è presieduta dal Segretario Nazionale.
Essa è l'organo esecutivo di ISA/FS&F; attua i deliberati del Consiglio  Nazionale ed è convocata dal Segretario Nazionale per sua iniziativa e a richiesta della maggioranza dei membri ogni qualvolta sia necessario nell'interesse di ISA/FS&F .
La Segreteria Nazionale, in situazioni di urgenza, delibera su questioni di competenza del Consiglio Nazionale salvo ratifica di quest'ultimo nel corso della prima riunione ordinaria.
In caso di dimissioni o di impedimento di uno dei suoi componenti provvede alla cooptazione scegliendo di norma  le eventuali sostituzioni tra i componenti del Consiglio Nazionale.
Art. 14
Il controllo amministrativo di ISA/FS&F è esercitato da un Collegio dei Sindaci costituito da tre elementi eletti dal Congresso nazionale.
Il Collegio nomina nel suo seno un Presidente ed adempie alle sue funzioni secondo i criteri stabiliti dall'art. 2397 e seguenti del Codice Civile in quanto applicabile.
Art. 15
Il patrimonio sociale è costituito:
  • dalle quote associative sottoscritte da ciascun socio;
  • dai contributi associativi straordinari che ciascun socio può sottoscrivere liberamente;
  • da erogazioni e lasciti diversi, contributi di aziende, enti pubblici e privati, italiani, europei.
  • dagli avanzi di eventuali gestioni economico-commerciali.
Il rendiconto comprende l' esercizio sociale dal 01/01 al  31/12 dell' anno solare, il rendiconto viene approvato dalla Segreteria Nazionale e dal Consiglio Nazionale.
Art. 16
Lo scioglimento di ISA/FS&F è deliberato dal Congresso regolarmente convocato con votazione favorevole dei tre quarti dei soci.
In caso di liquidazione possono essere nominati uno o più liquidatori con i poteri attribuiti loro dal Congresso.
Il patrimonio sociale risultante alla fine dalla liquidazione, o al momento dello scioglimento, dovrà essere destinato a fini di utilità sociale nell' ambito delle iniziative sostenute di  ISA/FS&F.

Art. 17 - Norma transitoria

La Segreteria Nazionale assumerà tutti i compiti di direzione nella fase costituente fino alla costituzione del Consiglio Nazionale con i rappresentanti di tutte le Regioni , che così determinato governerà ISA/FS&F fino alla convocazione del  Congresso Nazionale .